profilo - la mia attività: webmaster, grafica, fotoritocco
siti web: tipi di sito realizzabili, motori di ricerca, pubblicazione, assistenza, implementazioni, etc.
ti spiego che cos'è il web-hosting
in questa pagina ti mostro i principali siti che ho realizzato, con una descrizione ed il link per visitarli
la fotografia, digitale e non. Mie apparecchiature fotografiche
photoshop: la camera oscura digitale; download manuali
galleria fotografica: foto realizzate nel tempo libero, e per il web
vai alla home
in questa pagina mi presento
ti spiego come puoi contattarmi
rispondo alle domande più frequenti che mi fate
indietro
trekking cime

L'Uja di Ciamarella - 3676 mt.

info salita
note tecniche: L'Uja di Ciamarella è una montagna delle Alpi Graie, è posta interamente in territorio italiano ed è mla più alta cime delle valli di Lanzo.
accesso stradale: dall'uscita Venaria della tangenziale nord di Torino imboccare la provinciale del Parco della Mandria in direzione di Lanzo. Proseguire quindi lungo la Val d’Ala verso Ceres e Balme, da dove la strada sale rapidamente per terminare ai 1820 mt del Pian della Mussa, dove è possibile parcheggiare (a pagamento il sabato e domenica, ad agosto tutti i giorni) .

1° giorno:
dal dal Pian di Mussa  al Rifugio Gastaldi: l'itinerario parte dall'ultimo parcheggio [subito sopra il parcheggio è situato il rifugio Città si Ciriè, dove è pssibile mangiare alquanto bene], ci si inoltra nella strada sterrata (cartello con indicazioni)  ;  che poi diventa un sentiero (il numero 222), si sale lungo il Canale delle Capre, e con molti tornanti si prende rapidamente quota  e si raggiunge il Pian dei Morti, ampia sella erbosa dove lo sguardo si allarga su tutto il Pian della Mussa e sul resto del percorso . Lasciato sulla destra il sentiero EPT223  che conduce al Pian Gias, si prosegue in diagonale, su lunghi pendii , solcando prati fioriti  e poi con ampi tornanti si raggiunge la base di una paretina rocciosa dove è attrezzata una zona per l’arrampicata . Oltrepassata la paretina , il sentiero ora supera alcuni gradini rocciosi, ed è attrezzato con mancorrenti di corda  ; davanti la strapiombante parete della Rocca Turo (2759 mt)  ; entra in un canalone molto ampio che senza difficoltà conduce ad un colletto dal quale è già possibile vedere il rifugio . Il rifugio Gastaldi (2659 mt), il più antico delle Valli di Lanzo, è posto in posizione panoramica sull’ampia conca del Crot del Ciaussinè e le vette circostanti tra cui l’immensa bastionata rocciosa dell'Uja di Bessanese e la vetta dell'Uja di Ciamarella . Dal Rifugio Gastaldi è possibile effettuare alcuni itinerari escursionistici adatti alle esigenze più diverse, dai bambini ai camminatori più allenati  [cordiale l'accoglienza al rifugio e ottima la cena serale ].

1° giorno:
salita alla cima di Rocca Turo (2759 mt): dal rifugio (faccia alla Bessanese) si piega a destra e ci si porta senza percorso obbligato   verso la costiera rocciosa  che conduce alla vetta  .

2° giorno:
rif. Gastaldi - cima dell'Uja di Ciamarella: dal rifugio  si imbocca, nelle vicinanze, un'evidente mulattiera   e dopo un tratto pianeggiante si passa vicino ai ruderi della stazione di arrivo della vecchia teleferica  , si affrontano alcuni tornanti in discesa per poi continuare con alcuni saliscendi e superare così un paio di nevai  , e si arriva ad un bivio  . Si prende a sinistra ( a dx si scende al Pian della Mussa) e si arriva al Pian del Giass, pianoro ghiacciato con nevai, dai quali esce impetuoso un ruscello . Si segue sul nevaio la traccia  e in corrispondenza di un'indicazione di legno "Ciamarella" si abbandona la traccia principale che sale al passo Collarin e va in Francia, si devia a destra verso la morena  seguendo una traccia che sale rapidamente, e con l'aiuto di molti ometti, si arriva all'inizio del ghiacciaio . Si risale ora la bastionata rocciosa alla dx del ghiacciaio  senza percorso obbligato (molti ometti) fino a portarsi all'altezza del bacino glaciale (3150 mt ca.) . Con ramponi e picozza si sale sul ghiacciaio e con un semicerchio verso dx si punta allo spallone detritico , la traccia di salita è visibile solamente da vicino, e si punte ad un grosso ometto sulla cresta  [io salgo lasciando i ramponi al limite del ghiacciaio e portandomi la picozza: una scelta infelice]. Vicino all'ometto la traccia gira a sinistra e si segue un lungo diagonale ascendente   e si raggiunge la cresta nord-ovest  , da qui seguendo la cresta si arriva in vetta. [a circa metà della cresta incontro neve ghiacciata, tento di salire, ma la sola picozza non è sufficente ed anche i segni di passaggio nella neve non aiutano, per cui mi è impossibile percorrere l'ultimo breve tratto sino alla vetta ].




 questo simbolo indica la presenza di una foto;    quest'altro simbolo indica la presenza di più foto, per scorrerle portare il cursore sull'immagine e cliccare su: "<<" (per l'immagine precedente) ">>" (per l'immagine successiva) -- oppure: tasto sx per scroll a sinistra, tasto dx per scroll a destra, tasto in su per chiudere;    questo simbolo indica la presenza di una foto panoramica.
mappa del sito
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS
pagina delle informazioni su di me il mio curriculum i miei hobby sezione del sito dedicata al trekking ed alla montagna in particolare pagina dedicata alla musica
 
attesa
foto precedente
foto successiva
testo variato dinamicamente
chiudi slideshow
 

data ascensione 08-09/07/2015
partenza Valle Stura - Pian della Mussa
dislivello - I gg 838 mt.
dislivello - II gg 1028 + 80 mt.
tempo atmosferico I gg. bello
II gg. bello
tempo salita - I gg 3h 00m
tempo salita/discesa - II gg 6h 15m/6:30h

chiudi
 
testo variato dinamicamente
chiudi slideshow