profilo - la mia attività: webmaster, grafica, fotoritocco
siti web: tipi di sito realizzabili, motori di ricerca, pubblicazione, assistenza, implementazioni, etc.
ti spiego che cos'è il web-hosting
in questa pagina ti mostro i principali siti che ho realizzato, con una descrizione ed il link per visitarli
la fotografia, digitale e non. Mie apparecchiature fotografiche
photoshop: la camera oscura digitale; download manuali
galleria fotografica: foto realizzate nel tempo libero, e per il web
vai alla home
in questa pagina mi presento
ti spiego come puoi contattarmi
rispondo alle domande più frequenti che mi fate
indietro
trekking cime

Pizzo Bello - 2753 mt.

info salita
accesso stradale: in Valtellina percorrere la SS38 verso Sondrio, sino a S.Pietro Berbenno, dove occorre girare a sx verso Berbenno Valtellinese, si attraversa il paese e si prosegue verso la farzione di Rogoledo, alcuni tornanti e ci si trova ad un bivio, prendere a dx (andando diritto si sale a Monastero) la stretta, e ripida stradina che con numerosissimi tornanti e pendenza media del 12% ci porta sino a Prato Maslino (Pra Maslin in dialetto locale). Superato l'ultimo tratto non asfaltato si arriva ad un parcheggio; proprio sopra è sito il rifugio Marinella.
Prato Maslino: etimologicamente il termine significa "piccolo maso" cioè piccolo podere, ma l’origine del nome non rende l’idea della natura del Prato Maslino, l’ampio e splendido terrazzo di prati che, ad una quota di poco superiore ai 1600 metri, si apre, a valle del dosso di Piviana, fra la Val Vignone, ad ovest, e la Val Finale, ad est: si tratta, infatti, del più bel balcone panoramico della media Valtellina.
itinerario di salita: dal parcheggio  si imbocca verso sx una stradina che porta ad un pratone superiore con case sparse  , raggiunto il pratone superiore, si tiene a sx, ed in discesa  si arriva all'inizio del bosco , dove il sentiero pianeggiante , traversa il versante meridionale del Dosso di Piviana. In breve si arriva ad un bivio, dove sulla sx si stacca il sentiero che scende ai prati del Gaggio di Monastero ; poi il sentiero piega verso NNE, ed inizia a salire , subito dopo si incontra una sorgente ; proseguendo si passa a fianco di due opere di presa e convogliamento dell'acqua , si supera un valloncello con un tratto in ripida salite e fondo in cemento, qui il bosco si apre un poco e si può ammirare il paesaggio circostante . Dopo alcuni tornantini, un ultimo traverso ci porta sul limite inferiore dell’alpe Vignone, dove ci accoglie la baita più bassa, a circa 1900 metri. La mulattiera lascia quindi il posto ad un sentiero, sempre ben marcato, che sale in direzione di alcune baite poste più in alto . Si sale faticosamente sul ripido pratone, in mezzo ad una distesa di Rumex acetosa   , qua e là infioriture  . Si sale il ripido pascolo alla dx del torrente (sx idrografica) e si arriva ad una prima baita   e poi ad una coppia di baite a circa 2000 mt ; si attraversa il torrente e si raggiunge un bivio con palina di segnalazione, preseguendo diritto si arriva in un’ora, all’alpe Scermendone ed a San Quirico (sentiero Italia), prendendo a dx si sale all’alpe Baric ed al Pizzo Bello; si prende a dx, il sentiero ben marcato ed indicato con bolli bianchi e rossi, sopra gli ultimi insediamenti di conifere , e qua e là fioriture  ; più in alto si arriva ad una ampia recinzione in sassi a secco che serviva da recinto per il bestiame (un bàrek, appunto)  , lo si attraversa e il sentiero sale con ripide diagonali, dopo l’ultima ci si affaccia alla più ampia conca che ospita l'alpe Baric (2261 mt) , dove si trovano alcune baite nascoste alla vista di chi sale dall’alpe Vignone da un dosso erboso che chiude la conca a sud. Si lascia a sx una pozza (ridotta a stagione avanzata a terreno acquitrinoso) e costeggiando il muretto a secco del recinto per il bestiame (un altro bàrek, che dà il nome all’alpe), si raggiungono delle baite più a sud , per poi prendere a sx e salire a monte delle baite, puntando ad un cartello del CAI che segnala un nuovo bivio , il sentiero di sx sale tagliando il fianco meridionale della cima di Vignone (m. 2608) e raggiunge il largo crinale che separa il versante retico dalla media Val Terzana (per questa via il laghetto di Scermendone è dato ad un’ora ed il passo di Scermendone ad un’ora e 30 minuti); quello di dx sale alle estreme propaggini dell’alta Val Vignone, traversando il fianco meridionale della cima quotata 2643  , raggiungendo una conca , dove finalmente si riesce a vedere il Pizzo Bello. Da qui si sale ripido a sx (il sentiero non è marcato, ma i molti bolli aiutano) fino alla bocchetta che si apre fra il pizzo Bello, a dx, e la citata cima quotata 2643 mt a sx . Si prende a dx e si prosegue lungo la larga cresta SO, che si sale senza difficoltà, ma con pendenze sempre sostenute  , sino ad una larga spalla , per poi superare, su sfasciumi, il breve risalto finale  e guadagnare la cima, formata da una lunga cresta pianeggiante, con all'estremità sud e nord due ometti in pietra e sul punto culminante la classica croce  .




la Cima di Vignone (2608 mt.)
Per la discesa è possibile una variante, arrivati alla bocchetta fra il Pizzo Bello e la cima quotata 2643, si attraversa la vasta pietraia verso OSO, alla base del rilievo 2643 che resta sulla sx  ; raggiunta la sella fra la cima quotata 2643 e la Cima di Vignone , si sale a quest'ultima lungo la dorsale erbosa che conduce alla vetta . In discesa si segue la dorsale SO, per ripidi pratoni e sfasciumi  , sino ad incrociare il sentiero proveniente dal laghetto di Scermendone , lo si imbocca a sx e si arriva all'Alpe Baric; si prosegue poi per la medesima via di salita.



 questo simbolo indica la presenza di una foto;    quest'altro simbolo indica la presenza di più foto, per scorrerle portare il cursore sull'immagine e cliccare su: "<<" (per l'immagine precedente) ">>" (per l'immagine successiva) -- oppure: tasto sx per scroll a sinistra, tasto dx per scroll a destra, tasto in su per chiudere;    infine questo simbolo indica la presenza di un video-clip.
mappa del sito
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS
pagina delle informazioni su di me il mio curriculum i miei hobby sezione del sito dedicata al trekking ed alla montagna in particolare pagina dedicata alla musica
 
attesa
foto precedente
foto successiva
testo variato dinamicamente
chiudi slideshow

data ascensione 20/07/2013
partenza Prato Maslino - Valtellina (Berbenno)
dislivello 1103 mt.
tempo atmosferico variabile, nuvoloso
tempo salita 4h 10m
tempo discesa 3h 45m con traversata cima Vignone

chiudi
testo variato dinamicamente
chiudi slideshow