profilo - la mia attività: webmaster, grafica, fotoritocco
siti web: tipi di sito realizzabili, motori di ricerca, pubblicazione, assistenza, implementazioni, etc.
ti spiego che cos'è il web-hosting
in questa pagina ti mostro i principali siti che ho realizzato, con una descrizione ed il link per visitarli
la fotografia, digitale e non. Mie apparecchiature fotografiche
photoshop: la camera oscura digitale; download manuali
galleria fotografica: foto realizzate nel tempo libero, e per il web
vai alla home
in questa pagina mi presento
ti spiego come puoi contattarmi
rispondo alle domande più frequenti che mi fate
indietro
trekking cime

Piramide Vincent - 4215 mt.

VISUALIZZA IL FILMATO IN SCARICAMENTO PROGRESSIVO (tipo you-tube)
SCARICA IL FILMATO IN HD

info salita
note tecniche: La Piramide Vincent è una montagna del massiccio del Monte Rosa nelle Alpi Pennine. E' un 4000 che si trova interamente in territorio italiano lungo lo spartiacque che divide la valle del Lys dalla Valsesia; è abbastanza facile da salire, ed il panorama dalla cima è notevole, spazia dal vicino e più basso Balmenhorn al più alto Lyskamm; particolare ed interessante veduta da sud del lato roccioso del Corno Nero, Ludwigshohe e Parrot. Il versante est è particolarmente dirupato ed affascinante. E' stata conquistata, per la prima volta, il 5 agosto 1819 da Johann Nikolaus Vincent, proprietario di una miniera d'oro nei pressi di Alagna Valsesia.
accesso stradale (dalla Valsesia): autostrada A6 Milano/Torino, uscita Novara ovest, poi SP299 della Valsesia, fino ad Alagna.

1° giorno:   tracciato sulla mappa
salita al rifugio Gnifetti: da Alagna con telegabina (a Pianalunga) e due tratti di funivia (da Pianalunga a Passo dei Salati e sucessivo Passo dei Salati a Punta Indren)   della Freerideparadise, si sale a Punta Indren. Si segue una facile e ben marcata traccia, inizialmente su pietraia e poi su ghiacciaio, entrambi ricoperti da neve (il 2013 è stato un anno con molta neve primaverile)  ; si attraversa la conca glaciale con un ampio semicerchio da dx verso sx, a metà strada sulla dx si stacca la traccia che sale alla via normale della Punta Giordani (4046 mt), si traversa con modestissimo dislivello verso la bastionata rocciosa che separa i ghiacciai d'Indren e di Garstelet  . Al termine della conca  si hanno due possibilità: la via bassa e la via alta [io ho scelto quest'ultima per la salita e la prima per la discesa]; il sentiero è tracciato su facilissime roccette, e nei punti più esposti è attrezzato con canapone e gradini in legno ; si sbuca sul pianoro soprastante, al margine del ghiacciaio di Garstelet , da dove è ben visibile la Capanna Gnifetti  che si raggiunge attraversando il ghiacciaio  e superando un ultimo tratto attrezzato  . Il rifugio Gnifetti  è posto alla testata del bacino glaciale del Lys, a 3647 mt sul ghiacciaio del Garstlet; è lo storico punto d’appoggio per le salite più impegnative, per la salita alla Capanna Margherita e le traversate in quota. Dalla terrazza grandiosa vista sui ghiacciai .

2° giorno:   tracciato sulla mappa
dal rifugio Gnifetti alla cima della Piramide Vincent: [il mattino successivo già alla 3,30 iniziano i preparatavi per le partenze di chi va lontano (es.: Dufour, o traversate), la colazione è disponibile dalle 4,30, e comincio a camminare alle 5,30. Fuori è buio ed utilizzo la lampada frontale per tutta la prima parte della salita: le foto di questa parte le faccio alla discesa, ma la presentazione nella pagina rispetta la tempistica di salita]. Dietro il rifugio si scende per qualche metro su roccette e si mette piede sul ghiacciaio, qui al riparo dal vento ci sono montate quattro tende, per chi preferisce il bivacco all'aperto ; si segue la traccia  che attraversa un ampio plateau in leggera salita e che si congiunge con quella che sale dal Rifugio Mantova ; superata la confluenza dei ghiacciai del Garstelet e del Lys si risale quest'ultimo, inizialmente verso sx  . Dietro il Rifugio Gnifetti si allontana ; a sx sono presenti numerosi crepacci   aperti a volte non sempre visibili, si tiene quindi la traccia che passa sotto i seracchi della parete sud ovest della Pramide Vincent , e con percorso obbligato a zig zag per evitarli  , si risale con cospicua pendenza sino a superare quota 4000   e si raggiunge la conca nevosa sottostante il Balmenhorn (4167 mt)  . Al bivio si incomincia a vedere il Lyskamm Orientale (4527 mt)  , si svolta decisamente a dx, ora la cima della Piramide Vincent è ben visibile , si procede verso il Colle Vincent 4087 mt  , che separa il Balmenhorn dalla Vincent e poco prima di raggiungerlo si prende a dx per affrontare il versante ONO sul pendio terminale , prima dolce e poi via via più ripido sino alla larga cresta della calotta sommitale. In cima spettacolare panorama  e grandiosi orizzonti verso il Monte Bianco  ed il Gran Paradiso .




 questo simbolo indica la presenza di una foto;    quest'altro simbolo indica la presenza di più foto, per scorrerle portare il cursore sull'immagine e cliccare su: "<<" (per l'immagine precedente) ">>" (per l'immagine successiva) -- oppure: tasto sx per scroll a sinistra, tasto dx per scroll a destra, tasto in su per chiudere;    questo simbolo indica la presenza di una foto panoramica;    infine questo simbolo indica la presenza di un video-clip.
mappa del sito
Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS
pagina delle informazioni su di me il mio curriculum i miei hobby sezione del sito dedicata al trekking ed alla montagna in particolare pagina dedicata alla musica
 
chiudi il film
chiudi il film
attesa
foto precedente
foto successiva
testo variato dinamicamente
chiudi slideshow
 

data ascensione 09-10/08/2013
partenza Punta Indren
dislivello - I gg 372 mt.
dislivello - II gg 568 mt.
tempo atmosferico I gg. variabile
II gg. splendido
tempo salita - I gg 1h 45m
tempo salita/discesa - II gg 2h 40m/2h 40m

chiudi
testo variato dinamicamente
chiudi slideshow
testo variato dinamicamente
chiudi slideshow
testo variato dinamicamente
chiudi slideshow